Santa Rosalia Patrona di Palermo - Arcidiocesi di Palermo - Curia - Caritas Diocesana di Palermo - CEI - Santa Sede - Papa Benedetto XVI - Sacra Bibbia - Pontificia Accademia Teologica - Catechismo della Chiesa Cattolica - Santi e Beati

.:Home > La Parrocchia > S Rosa Da Lima > La Vita Raccontata Ai Bambini

La vita di S.Rosa raccontata ai bambini

Lima, Perù, 1586 - 24 agosto 1617

Vergine

Patronato: Fioristi
Etimologia: Rosa = dal nome del fiore - Emblema: Giglio, Rosa
Martirologio Romano: Santa Rosa, vergine, che, insigne fin da fanciulla per la sua austera sobrietà di vita, vestì a Lima in Perù l"abito delle Suore del Terz"Ordine regolare dei Predicatori. Dedita alla penitenza e alla preghiera e ardente di zelo per la salvezza dei peccatori e delle popolazioni indigene, aspirava a donare la vita per loro, giungendo a imporsi grandi sacrifici, pur di ottenere loro la salvezza della fede in Cristo. La sua morte avvenne il giorno seguente a questo.

(24 agosto: A Lima in Perù, anniversario della morte di santa Rosa, la cui memoria si celebra il giorno precedente a questo)

Il 20 aprile 1586, nasce, a Lima in Perù Isabel Flores y Oliva, figlia di Gaspar Flores e Maria Oliva, due peruani figli di spagnoli.
Quando Isabel aveva solo tre mesi quando un giorno la madre Maria vede una rosa sopra la culla della bambina, così, prende in braccio la figlia e le dice "Sei la mia Rosa". Da qul momento la mamma la chiamerà sempre Rosa, nonostante la nonna non voglia che le si cambi il nome.
Quando poi, Isabel, riceve la Cresima il Vescovo, che sapeva che la bimba si chiamava Isabel, miracolosamente, al momento della Confermazione, dice:"Rosa io ti Confermo..." Da quel momento la chiameranno Rosa.
Rosa ama Gesù con tutto il cuore e lo vuole dimostrare in tutti i modi mentre cerca qualcosa in un baule, il coperchio, pesantissimo, le si chiude sulla mano ma lei non grida, non dice nulla e solo tre giorni dopo, quando sua madre si accorge che una delle dita di Rosa è tutta nera, chiama il medico. Il medico deve tirare via l"unghia dal dito di Isabel ma, ancora,m la ragazza non urla dal dolore, anzi, rimane calma e impassibile.
All"età di cinque anni si offre a Gesù. Comincia a fare digiuni, si nutre solo a pane ed acqua tutti i venerdì e i sabato. Costruisce una croce, con la quale percorre il giardino di casa, imitando la Via Crucis.
Rosa cresce diventa una bella ragazza tutti, a Lima, l"ammirano per la sua bellezza. Ma Rosa non vuole perdere la sua umiltà, quindi si rivolge alla Vergine Maria e lei le risponde "Tu ti chiami Rosa di Santa Maria".
Molto presto i genitori di Rosa diventano poveri e Rosa comincia a curare il giardino, pianta un roseto e comincia a vendere le rose che crescono belle e con il denaro ricavato aiuta i suoi genitori inoltre si prende cura dei suoi fratelli più piccoli, in tutto, sono undici figli.
Naturalmente, i suoi genitori, nonostante la povertà, pensano che, siccome la figlia è bella e tanto buona, non sarà difficile per lei, trovare un buon marito e fare un bellissimo matrimonio. La madre la porta ad una festa, dove viene presentata ad alcuni giovani. Lei suona anche, davanti agli invitati, obbedendo alla madre.
Sulla testa indossa una corona di rose fresche, solo che lei, di nascosto alla madre, ha messo, all"interno della corona, alcuni chiodini che le procurano dolore ma lei sopporta tutto per Gesù.
Una mattina si presenta alla madre con i capelli corti, infatti aveva preso le forbici e si era tagliata i lunghi capelli. La madre la sgrida dicendole che proprio ora, che c"era un giovane che la voleva sposare lei si taglia i capelli e Rosa risponde che lei non vuole sposarsi perché ha già uno Sposo: Gesù.
Il 10 agosto 1606, Rosa diventa Terziaria Domenicana e si fa costruire, dal fratello maggiore, una piccola cella di mattoni, nel giardino di casa e lì, comincia a vivere.
Sua madre, naturalmente, si arrabbia molto ma non può fare nulla per far cambiare idea a Rosa solo che preferisce che Rosa vada alla Messa solo quando lei può accompagnarla. E quando la madre di Rosa, non può accompagnarla e Rosa rimane nella sua celletta, Gesù va a visitarla.
Si dice che le zanzare, in estate, pungevano solo le persone che andavano a trovare Rosa nella sua celletta ma Rosa non veniva punta.
Lei parlava ai fiori e alle piante ed anche agli animali, persino le zanzare, quando lei lo ordinava, sembravano intonare una musica celestiale.
Gli uccellini attendevano un segnale di Rosa per cominciare a cantare.
Nell"ultimo anno di vita di Rosa le compare ancora la Vergine Maria con Gesù bambino in braccio e Gesù, tendendo una manina verso Rosa le dice "Rosa del Mio cuore, tu sei la mia Sposa".
E le ultime parole di Rosa sono "Vado via ad ammirare il volto bellissimo di Gesù. Devo partire per celebrare in eterno la festa del Cielo, Gesù sarà con me".
È il 24 agosto 1617. Rosa aveva solo 31 anni.








CONTATTI


Tel/Fax della parrocchia
091-202311

Via E-mail
Per contattare il Parroco santarosa@diocesipa.it
Per info sul sito contattare la WebMaster scalicimiriam@gmail.com


   
      
Parrocchia Santa Rosa da Lima come Home Page



Sito segnalato dalla CEI