Santa Rosalia Patrona di Palermo - Arcidiocesi di Palermo - Curia - Caritas Diocesana di Palermo - CEI - Santa Sede - Papa Benedetto XVI - Sacra Bibbia - Pontificia Accademia Teologica - Catechismo della Chiesa Cattolica - Santi e Beati

.:Home > Spiritualita > Spiritualita Domenicana > San Domenico Di Guzman

San Domenico di Guzman

Sacerdote e fondatore dei Predicatori

Burgos, 1170? - Bologna, 6 agosto 1221

Patronato: Astronomi
Emblema: Stella in fronte, Giglio, Cane, Libro
Etimologia: Domenico = consacrato al Signore, dal latino
Martirologio Romano: Memoria di San Domenico, sacerdote, che, canonico di Osma, umile ministro della predicazione nelle regioni sconvolte dall'eresia albigese, visse per sua scelta nella più misera povertà, parlando continuamente con Dio o di Dio. Desideroso di trovare un nuovo modo di propagare la fede, fondò l'Ordine dei Predicatori, al fine di ripristinare nella Chiesa la forma di vita degli Apostoli, e raccomandò ai suoi confratelli di servire il prossimo con la preghiera, lo studio e il ministero della parola. La sua morte avvenne a Bologna il 6 agosto.

(6 agosto: A Bologna, anniversario della morte di san Domenico, sacerdote, la cui memoria si celebra tra due giorni)

San Domenico di Guzmàn, al secolo Domingo Guzmàn (Calaroga, 1170 - Bologna, 6 agosto 1221), fu il fondatore dell'Ordine dei Frati Predicatori ed è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.
Figlio di Felice di Guzmàn e di Giovanna d'Aza, una famiglia agiata, ma non esistono testimoniaze che discenda dalla nobile famiglia dei Guzman.
Alla nascita venne battezzato con il nome del santo patrono dell'abbazia benedettina di San Domingo de Silos, situata a pochi chilometri a nord del suo paese natale.
Inizialmente fu educato in famiglia, dallo zio materno, l'arciprete Gumiel de Izan, fu poi inviato, all'età di quattordici anni, a Palencia, dove frequentò corsi regolari di arti liberali e teologia, per dieci anni.
Domenico è noto ai devoti per il sentimento di compassione che fin da giovane gli ispirava la sofferenza altrui. Ad esempio si racconta che, nel 1191, durante una carestia, vendette quanto in suo possesso, incluse le sue preziose pergamene (un grande sacrificio in un'epoca in cui non era stata ancora inventata la stampa), per dar da mangiare ai poveri affermando:
«Come posso studiare su pelli morte, mentre tanti miei fratelli muoiono di fame?»
Terminati gli studi a 24 anni seguì la sua vocazione ed entrò tra i canonici regolari della cattedrale di Osma dove venne consacrato sacerdote e dove il vescovo, Martino di Bazan, stava riformando il capitolo secondo la regola agostiniana, con l'aiuto di Diego Acevedo.
Diego, eletto vescovo, nel 1201, nominò Domenico sottopriore e quando Diego, nel 1203, fu inviato in missione diplomatica in Danimarca dal re Alfonso VIII di Castiglia da dove accompagnare una principessa che doveva unirsi in matrimonio con un principe di Spagna, il vescovo, condusse il sottopriore Domenico con sé.
Il contatto vivo con i fedeli della Francia meridionale, dove era diffusa l'eresia dei càtari e l'entusiasmo delle cristianità nordiche per le imprese missionarie verso l'Est, costituirono per Diego e Domenico una rivelazione. Di ritorno da un secondo viaggio in Danimarca scesero a Roma (1206) e chiesero al papa Innocenzo III di potersi dedicare all'evangelizzazione dei pagani. Ma Innocenzo III orientò il loro zelo missionario verso quella predicazione nella Francia meridionale, la regione dove erano più attivi i cà tari, da lui ardentemente e autorevolmente promossa fin dal 1203. I due accettarono e, nel 1206, Diego e Domenico furono inviati missionari in Linguadoca e Domenico continuò anche quando si dissolse la legazione pontificia e dopo l'improvvisa morte di Diego (30 dicembre 1207).
San Domenico rimase in Linguadoca, nel paese dei Catari, come missionario, per oltre dieci anni (1205-1216), collaborando col vescovo di Tolosa, Folchetto di Marsiglia e come legato papale cercò sempre di convertire gli eretici, con semplici riconciliazioni. Solo una volta Domenico è citato tra coloro che assistevano al rogo degli eretici.
La sua attività di apostolato era imperniata su dibattiti pubblici, colloqui personali, trattative, predicazione, opera di persuasione, preghiera e penitenza, appoggiato in questa sua opera da Folchetto, vescovo di Tolosa, che lo nominò predicatore della sua diocesi.
San Domenico inoltre, si convinse immediatamente che bisognava anche dare l'esempio e vivere in umiltà e povertà come gli albigesi, e pian piano maturò anche l'idea di un ordine religioso Iniziò con l'istituzione di una comunità femminile che accoglieva donne che avevano abbandonato il catarismo e questa comunità di domenicane ancora esiste. A Domenico si avvicinavano anche uomini, ma resistevano poco al rigoroso stile di vita da lui preteso per testimoniare con l'esempio la fede cattolica tra i cà tari. Alla fine però riuscì a riunire un certo numero di uomini capaci che condividevano i suoi stessi ideali, istituendo un primo nucleo stabile ed organizzato di predicatori.
Nel 1209, in occasione dei massacri compiuti dai Crociati (particolarmente feroce fu quello compiuto dopo la conquista di Béziers), che non badarono all'età e al sesso e, nella loro furia, arrivarono a colpire perfino i cattolici, Domenico si distinse nel biasimare severamente tali azioni scellerate.
In occasione di un viaggio a Roma, nell'ottobre 1215, per accompagnare il vescovo Folchetto, che doveva partecipare al Concilio Laterano IV, Domenico avanzò la proposizione a papa Innocenzo III di un nuovo ordine monastico dedicato alla predicazione. Domenico trovò grande disponibilità nel papa che l'approvò.
Nel 1215, Domenico, per i suoi seguaci, prima ricevette in dono la casa in Tolosa di Pietro cellani che era divenuto anche lui predicatore, poi ricevette da Simone IV di Montfort il castello di Cassanel.
Pare che quando per la crociata le cose si misero male Domenico lasciasse la Linguadoca, nel 1216 e, seguendo il consiglio di Innocenzo III, di non fondare un nuovo ordine coi suoi sedici seguaci scelse la regola di Sant'Agostino.
Il 22 dicembre 1216, papa Onorio III diede l'approvazione ufficiale e definitiva, all'ordine fondato da Domenico. Ottenuto il riconoscimento ufficiale, l'ordine crebbe e, già dal 1217, fu in condizione di inviare monaci un po' in tutt'Europa, soprattutto nella penisola iberica e nei principali centri universitari del tempo, a Parigi e a Bologna, dove si recò egli stesso.
Subito incontrarono delle opposizioni da parte dei vescovi locali, che furono superate dalla bolla papale dell'11 febbraio del 1218, che ordinava a tutti i prelati di dare assistenza ai domenicani.
A Bologna, l'eloquenza di Reginaldo di Orléans, decretò un immediato successo dell'ordine, che ricevette notevoli donazioni, che Reginaldo avrebbe voluto accettare, ma Domenico le rifiutò, perche desiderava che i suoi confratelli non avessero proprietà e vivessero di elemosina.
Nel 1220 e nel 1221 Domenico presiedette personalmente in Bologna ai primi due Capitoli Generali destinati a redigere la magna carta e a precisare gli elementi fondamentali dell'ordine:

Predicazione
Studio
Povertà mendicante
Vita comune
Legislazione
Distribuzione geografica
Spedizioni missionarie

Sfinito dal lavoro apostolico ed estenuato dalle grandi penitenze, Domenico morì il 6 agosto 1221, nel suo amatissimo convento di Bologna (Basilica di San Domenico), in una cella non sua, perché lui, il fondatore, non l'aveva, circondato dai suoi frati, a cui rivolgeva l'esortazione «ad avere carità , a custodire l'umiltà e a possedere una volontaria povertà.»
Papa Gregorio IX canonizzò Domenico il 13 luglio 1234. Si festeggia l'8 agosto.
Il suo corpo dal 5 giugno 1267 è custodito in una preziosa arca marmorea. A Roma, nel chiostro del convento di Santa Sabina all'Aventino è presente una pianta di arancio dolce che secondo la tradizione domenicana, san Domenico portò dalla Spagna. La notorietà delle numerose leggende miracolistiche legate alle sue intercessioni fanno accorrere al suo sepolcro fedeli da ogni parte d'Italia e d'Europa, mentre i fedeli bolognesi lo proclamano «Patrono e Difensore perpetuo della città».
Il famosoquadro commissionato da Tomàs de Torquemada al pittore Pedro Berruguete, intitolato San Domenico presiede un tribunale dell'Inquisizione che in seguito venne semplicemente denominato Autodafé, è la rappresentazione quasi emblematica del ruolo che è stato falsamente attribuito a Domenico di Guzmàn. Egli infatti morì nel 1221, ossia dodici anni prima che papa Gregorio IX nominasse, per la prima volta, dei frati domenicani a capo (giudici-delegati permanenti) dei tribunali dell'Inquisizione. Michel Roquebert nel suo libro San Domenico, contro la leggenda nera scrive:
«Il male che ha fatto quest'opera all'immagine e alla memoria del fondatore dell'Ordine dei predicatori è incommensurabile. La "triste leggenda", la "leggenda nera" che ancora oggi denunciano gli storici domenicani, tanto più dolorosa in quanto è stata creata dagli stessi predicatori, all'epoca in cui ritenevano che essere nati per combattere l'eresia fosse motivo di gloria».

Fonte: Arciconfraternita Maria Santissima del Rosario








CONTATTI


Tel/Fax della parrocchia
091-202311

Via E-mail
Per contattare il Parroco santarosa@diocesipa.it
Per info sul sito contattare la WebMaster scalicimiriam@gmail.com


   
      
Parrocchia Santa Rosa da Lima come Home Page



Sito segnalato dalla CEI